Le formiche e la marmellata

Sono un tifoso! Lo ero prima di aver visto la trasmissione Report sui rapporti tra ultras, criminalità organizzata e FC Juventus. Sono riuscito, a rimanere tifoso (…ovviamente non della Juve) durante la trasmissione e a tutt’oggi lo sono ancora. A tal proposito visti i contenuti dell’inchiesta non mi interessa il cliché di mercato tipo The show must go on, non minimizzo, né ne faccio una questione di fazione (…la Juve disonesta e le altre no), non mi scandalizzo, né rimango impassibile. Più che altro non riesco a stupirmi. Ieri, in una patinata trasmissione pre-Champions su “mamma Sky”, Fabio Capello ha dichiarato che anni fa lui è stato l’unico allenatore a denunciare i “business” gestiti dagli ultras delle curve. L’importante e autorevole (…) giornalista Ilaria D’Amico, dopo aver fatto melina fino a due, tre minuti dall’inizio delle partite, ha fatto un breve accenno sull’argomento trattato da Report, giurando e spergiurando di tornarvi su “in altra sede”. Non è chiaro quale altra sede sia più appropriata di una trasmissione che parla di calcio, comunque la domandina di rito, che appare sempre (o quasi) in tutti i miei post (…ricordo a chi non mi ha mai seguito che sono affetto da una fastidiosa sindrome che mi obbliga a pormi spesso dei perché) è: ci voleva una trasmissione come Report per scoprire ciò che non era necessario scoprire perché era sotto gli occhi di tutti? Mi torna in mente il bestseller Gomorra. Quando è esploso il successo del volume di Saviano, sembrava che prima della pubblicazione del libro la criminalità organizzata in Campania non fosse mai esistita. Quelle pagine spiegavano con dovizia di particolari accattivanti ciò che noi napoletani avevamo sotto gli occhi da quando siamo nati. Personalmente quel punto di vista l’ho ormai perso non vivendo a Napoli da tempo, ma la mia gente che vive ancora lì no, e per questo motivo è rimasta abbastanza agnostica di fronte al libro di Saviano. Tutto il resto del Paese invece ha inaspettatamente appreso da Saviano che l’acqua bolle a cento gradi e aumenta la sua densità intorno ai quattro. I contenuti di Report non hanno evidenziato sorprese. Di sorprendente c’è solo ciò che è accaduto dopo la trasmissione. Quotidiani, telegiornali, notiziari e quasi tutti i media hanno usato la sordina, per non dire il totale silenzio stampa, sulla cosa. È come se il sistema si volesse difendere in qualche modo dalla minaccia di una messa in piazza della triste realtà. Qualcuno di molto autorevole come il Presidente neoeletto della FIGC Gravina ha detto a proposito delle infiltrazioni della criminalità organizzata nelle curve “E’ un tema che lascio alla magistratura ordinaria. È il rapporto tra società e curve che dovrebbe essere ordinato. Poi la malavita è malavita e se ne deve occupare la giustizia ordinaria” come riporta l’Ansa. Che il potere giudiziario sia tenuto a intervenire è pacifico, ma cosa avrà inteso Gravina con “È il rapporto tra società e curve che dovrebbe essere ordinato.” Come si può pensare di mettere ordine tra due elementi incompatibili in un business miliardario come quello del calcio? È possibile convincere le formiche a smettere di dirigersi in fila indiana verso il barattolo aperto della marmellata? O si chiude il barattolo (…e questo nel calcio significherebbe chiudere i battenti) o si eliminano le formiche. In Inghilterra l’hanno già capito da tempo: non può essere messo in ordine alcun rapporto tra tifoserie e società! E allora, per non eliminare il business, gli inglesi hanno fatto l’unica cosa possibile, eliminando il problema alla radice, cioè le curve. Là negli stadi di proprietà delle società, essendo le stesse società a rispondere di tutto ciò che accade dentro e fuori lo stadio, purché inerente al rapporto tra un match e i tifosi, gli ultras non esistono più! Schiacciando le formiche hanno salvaguardato affari, spettacolo e mercato.

E allora, dopo aver visto Report, pensiamo ancora di indignarci o si decide una buona volta di utilizzare il DDT?