Il paradosso delle mutande

Caro Feltri, la Sua lettera/articolo sul quotidiano da Lei diretto, indirizzata/o a Carlo Ancelotti mi ha sorpreso! Non si faccia ingannare dai suoi numerosi non simpatizzanti; la mia sorpresa non è legata a questioni di antipatia nei suoi confronti. Non di rado mi sono trovato d’accordo con Lei, e talvolta anche con i Suoi toni, di certo necessari alla tenuta della Sua immagine mediatica. Mi ha tuttavia sorpreso l’abbandono della coerenza con la quale, insieme alla Sua immagine di giornalista politicamente scorretto, ha mantenuto alto il Suo successo. Lei ha utilizzato un terreno scivolosissimo per appioppare ai napoletani e a Carlo Ancelotti l’aggettivo di “piagnucolosi”, nella circostanza di un rigore non concesso durante una partita. Terreno reso ancor più viscido dalla sua dichiarata incompetenza calcistica.

https://www.liberoquotidiano.it/news/sport/13526824/vittorio-feltri-carlo-ancelotti-basta-piagnucolare.html

Il calcio, caro Feltri, come la Sua lunghissima esperienza giornalistica dovrebbe insegnare, è un grande teatro, è esasperazione del reale e, talvolta, finzione utilizzata per modificare la realtà. Cercare di connotare il vero con etichette definitive, quali “I napoletani piagnucolano” i “Bergamaschi non si lamentano mai” o altri stereotipi, attraverso l’argomento calcio è pericoloso perché si rischia di essere smentiti puerilmente. Lei stesso, solo pochi giorni fa, si è lamentato, non saprei dire se piagnucolando o meno, di torti arbitrali subiti dall’Atalanta a Roma in un intervista.

Non mi nascondo, sono di Bergamo e simpatizzo per l’Atalanta che sabato ha pareggiato a Roma. Un pareggio nella capitale non è da buttare via – scrive il direttore di Libero -, però non è bello assistere a certi episodi penalizzanti per una squadra di provincia molto meno tutelata dagli arbitri, che fatalmente hanno un occhio di riguardo per le big del campionato. Si parla spesso di sudditanza psicologica che i direttori di gara negano esistere, invece c’è e produce effetti devastanti”.

Ma a chi vanno le maggiori colpe di questa situazione? “La colpa di tali guasti comunque non credo sia dei signori del fischietto facile, bensì dei soloni che scrivono e riscrivono nuove norme sempre più cretine rispetto a quelle vecchie. I padroni del calcio farebbero meglio a essere più conservatori evitando di danneggiare sistematicamente i club più poveri, senza i quali il massimo torneo italiano sarebbe una ben minima cosa”.

https://www.calcioatalanta.it/2019/10/22/feltri-duro-non-e-bello-vedere-penalizzate-le-squadre-di-provincia/

Peccato che, a quanto pare, il patron dell’Atalanta Percassi, Presidente di un club considerato da Lei tra i più “poveri” (…forse per fatturato) non si distanzi un granché, in tema di  patrimonio personale, dallo sceicco di Abu Dabi .

https://www.ilsole24ore.com/art/dal-modello-atalanta-westfield-ora-focus-milano-olimpica-ACivDev?refresh_ce=1. 

Inoltre, pare che anche quest’ultimo non disdegni il vizietto tutto napoletano di “piagnucolare”, senza per questo stimolare alcuna Sua censura giornalistica.

https://www.tuttomercatoweb.com/altre-notizie/percassi-arbitri-atalanta-penalizzata-piena-fiducia-a-colantuono-230873

Mi ascolti, caro Feltri, pur essendo il sottoscritto anagraficamente più giovane di Lei, lasci perdere le polemiche calcistiche o se proprio non ne può fare a meno, si vada a rivedere meglio l’azione incriminata di Napoli Atalanta e scoprirà, magari con l’aiuto di qualcuno più esperto, tipo Carlo Ancelotti, che diversi istanti prima della sbracciata di LLorente su Kjaer, quest’ultimo disinteressandosi del pallone si era già abbattuto sull’avversario sbilanciandolo.

Un anonimo, caro Feltri, ha dichiarato, a proposito della coerenza: E’ inutile che le chiamiate mutande se poi non ve le cambiate mai…

1 Comment

Rispondi